Dic 012017
 

La Banca centrale europea ha avviato una consultazione riguardante la definizione di un nuovo tasso di interesse overnight non garantito. Attraverso la consultazione, la BCE mira a raccogliere le opinioni delle parti interessate in merito alle caratteristiche principali del tasso e ai tempi di pubblicazione. Il documento di consultazione fornisce una panoramica dei fattori che sostengono la decisione della BCE di pubblicare un tasso overnight non garantito e le domande di consultazione che riguardano le caratteristiche di progettazione del tasso.

La consultazione segue la decisione della BCE, annunciata il 21 settembre 2017, di sviluppare un tasso di interesse overnight non garantito in euro basato su dati già disponibili per l’Eurosistema. Il tasso d’interesse andrebbe a integrare i tassi di riferimento esistenti prodotti dal settore privato e fungerebbe da tasso di riferimento di supporto.

Una seconda consultazione relativa alla metodologia sarà lanciata nei prossimi mesi.

La consultazione avrà termine il 12 gennaio 2018.

Comunicato stampa

Dic 012017
 

L’EBA ha pubblicato il decimo rapporto sui rischi e le vulnerabilità nel settore bancario dell’Unione europea. I risultati dell’analisi mostrano un’ulteriore capacità di ripresa nel settore bancario dell’UE in un contesto macroeconomico e finanziario favorevole, con un ulteriore rafforzamento della posizione patrimoniale, un miglioramento della qualità degli attivi e un lieve aumento della redditività. Tuttavia, sono necessari ulteriori progressi in materia di NPL mentre la sostenibilità a lungo termine dei modelli aziendali rimane sotto pressione. In particolare:

  • La solvibilità del settore bancario europeo ha continuato a rafforzarsi, sebbene a un ritmo più lento. Il CET1 ratio si è attestato al 14,3% a giugno 2017, in aumento di 70 punti base rispetto al mese di giugno 2016. La tendenza è simile per il CET1 ratio fully-loaded, che ha raggiunto il 14%. Il leggero aumento dei coefficienti patrimoniali è stato determinato principalmente da una riduzione delle esposizione al rischio, in particolare per quanto riguarda il rischio di credito.
  • La quota di NPL delle banche europee è diminuito dal 5,4% (giugno 2016) al 4,5% grazie ai progressi compiuti dalle banche per ripulire il loro bilancio. Tuttavia, circa un terzo delle giurisdizioni UE ha rapporti di NPL superiori al 10% e il livello stesso degli NPL rimane ad un livello storico molto alto (893 miliardi di euro).
  • Le attività totali delle banche europee sono diminuite del 6,3% tra giugno 2016 e giugno 2017. Il calo è stato determinato dalla riduzione delle esposizioni in derivati ​​e titoli di debito, mentre il volume dei prestiti ha continuato ad aumentare.
  • La redditività delle banche europee è cautamente migliorata grazie alle condizioni favorevoli, ma rimane una sfida chiave per il settore bancario. Nel mese di giugno 2017, il rendimento medio del capitale netto (RoE) si è attestato al 7,0%, in aumento di 130 punti su base annua, il livello più alto dal 2014. Questa tendenza al rialzo è principalmente spiegata da una diminuzione delle svalutazioni e da un aumento delle commissioni e dei profitti commerciali. Tuttavia, la dispersione tra i paesi è ancora elevata. Il ROE medio è rimasto al di sotto del costo del capitale netto e molte banche faticano a generare margini sufficienti attraverso l’attività creditizia in un contesto di bassi tassi di interesse e curve di rendimento piatte.
  • La raccolta bancaria è stata caratterizzata da condizioni stabili nei primi tre trimestri del 2017, a fronte di una bassa volatilità. Mentre le politiche monetarie accomodanti e i programmi di acquisto di titoli delle banche centrali hanno mantenuto i costi di finanziamento a livelli contenuti, i volumi complessivi di emissione di debito rispetto ai primi tre trimestri del 2016.
  • Tra le nuove fonti di rischio, la sicurezza informatica e dei dati rappresenta una delle criticità maggiori per il settore bancario europeo.

Il documento è accompagnato dai risultati dell’esercizio di trasparenza 2017, che fornisce dati chiave per 132 banche europee in un formato omogeneo e facilmente comparabile.

Comunicato stampa
Decimo rapporto EBA sui rischi e vulnerabilità nel settore bancario europeo
Risultati esercizio di trasparenza 2017

Dic 012017
 

La Banca centrale europea ha pubblicato i risultati dell’analisi tematica sull’applicazione del nuovo principio contabile IFRS 9 da parte delle banche europee. Il rapporto inoltre delinea le principali aspettative di vigilanza circa l’applicazione in atto dell’IFRS 9. Tali aspettative sono coerenti con le migliori prassi internazionali e gli orientamenti di vigilanza emanati dal Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria e dall’Autorità bancaria europea.

Agli inizi del 2017 l’analisi tematica condotta dal Meccanismo di vigilanza unico ha contribuito a individuare le banche che registravano evidenti ritardi di attuazione. Le autorità di vigilanza hanno informato gli enti significativi il cui grado di preparazione era inferiore a quello degli intermediari comparabili nel primo trimestre del 2017 e li hanno esortati, con successo, ad accelerare i preparativi, anche attraverso l’allocazione di maggiori risorse al progetto. Per gli enti significativi i risultati dell’analisi tematica sono confluiti nel processo di revisione e valutazione prudenziale (Supervisory Review and Evaluation Process, SREP) del 2017, in particolare nella componente della valutazione della governance e della gestione dei rischi. Per gli enti meno significativi gli esiti dell’analisi sono presi in considerazione dalle autorità nazionali competenti che esercitano la vigilanza diretta su tali intermediari.

Sulla scorta delle informazioni fornite dalle banche soggette alla vigilanza diretta della BCE che nel primo trimestre del 2017 si trovavano in uno stadio più avanzato nell’applicazione dell’IFRS 9 (e pertanto in possesso dei dati più affidabili), a regime l’impatto negativo medio sul coefficiente patrimoniale regolamentare di CET1 (capitale primario di classe 1) è stimato a 40 punti base. In base ai dati segnalati dagli enti meno significativi in uno stadio di preparazione avanzato nel primo trimestre del 2017, a regime l’impatto negativo medio sul CET1 ammonterebbe a 59 punti base.

L’analisi tematica rappresenta un ulteriore passo avanti verso l’applicazione coerente dell’IFRS 9 presso le banche dell’area dell’euro. Il rapporto è pubblicato nel sito Internet della BCE dedicato alla vigilanza bancaria.

Comunicato stampa

Dic 012017
 

Ai fini della determinazione del contributo di vigilanza sull’attività di assicurazione e riassicurazione di cui all’articolo 335, comma 2, del decreto legislativo 7 settembre 2005, n. 209, per l’esercizio 2018 l’IVASS ha fissato l’aliquota per gli oneri di gestione da dedurre dai premi incassati nella misura del 4,01% dei predetti premi.

Provvedimento IVASS n. 64 del 27 novembre 2017

Dic 012017
 

I dati di bilancio, i prezzi delle varie asset class, i volumi scambiati in Borsa sono definiti dati «strutturati», spesso già ben organizzati in database commerciali e di facile analisi attraverso software quali SQL e Excel. Questi dati, molto studiati in accademia, rappresentano il 10% dei dati disponibili. A differenza dei dati strutturati, i Big Data sono definiti «dati non strutturati» e caratterizzati da elevati «volumi, varietà e velocità (3Vs). Nel settore dell’asset management è fondamentale avere accesso a informazioni e saperle analizzare. Le informazioni non mancano. Naturale che questo settore sia terreno fertile per la ricerca e per verificare se i nuovi data sets e le nuove tecniche di AI possano veramente aggiungere valore, rispetto ai consolidati risk premia con nuove strategie di investimento.

La presentazione vuole essere un’introduzione all’argomento ed una (parziale) review della letteratura accademica. Alcune delle domande di ricerca trattate dai paper selezionati sono:

  1. Can we transform news articles into a numerical output signal and then trade before other humans can read and assimilate the information?
  2. Can computers infer nuances from managements’ forward looking statements?  Can they predict more reliably future company performance or even help predict bankruptcies or fraudulent behavior?
  3. Can Twitter, StockTwits and other messages from social media outlets provide real time market sentiment information?
  4. Can the analysis of alternative datasets provide incremental information, to traditional data sources, when evaluating the state of the global economy, the markets or single companies?

Qwafafew-Italy: Presentazione Big Data and AI in Investments?

Nov 242017
 

Argentea, società controllata da Gpi e certificata presso il Consorzio Bancomat, e Inbitcoin, startup con sede a Trento, hanno lanciato in Italia il primo servizio di pagamento via POS basato su bitcoin. Tale servizio di pagamento potrà essere configurato, installato ed utilizzato da tutti i piccoli e grandi commercianti in possesso dei nuovi terminali telematici Pos dotati di un display sufficientemente ampio.
Il progetto, che costituisce l’esito di due anni di ricerche a cui ha collaborato anche la Facoltá di Matematica dell’Universitá di Trento, mira innanzitutto ad ampliare l’ambito di applicazione dei sistemi di pagamento in bitcoin ed é volto a consentire ai consumatori di completare la transazione semplicemente con il proprio smartphone.
Notevoli, spiega Luca Sannino, co-founder e managing partner di Inbitcoin, i vantaggi che derivano da questo nuovo sistema di pagamento: l’azzeramento o quasi delle commissioni di incasso; l’assoluta sicurezza, per i commercianti, che il pagamento vada a buon fine, eliminando qualsiasi rischio di clonazioni di carte o utilizzo di contanti falsi; la riduzione dei costi, per i consumatori, rispetto a quelli propri del sistema bancario tradizionale.

Nov 242017
 

L’Autorità bancaria europea (EBA) ha pubblicato la metodologia finale per il prossimo esercizio di stress test del settore bancario europeo. La metodologia – definita in seguito ad un confronto con le istituzioni coinvolte -copre tutte le aree di rischio rilevanti e, per la prima volta, incorpora i principi contabili IFRS 9. L’esercizio di stress test sarà lanciato ufficialmente nel gennaio 2018 e i risultati saranno pubblicati entro il 2 novembre 2018.
Analogamente all’esercizio 2016, lo stress test 2018 si concentra principalmente sulla valutazione dell’impatto dei fattori di rischio sulla solvibilità delle banche. Le banche sono tenute a considerare uno scenario avverso riguardante un set comune di fattori di rischio (rischio di credito – incluse le cartolarizzazioni – rischio di mercato, rischio di credito di controparte e rischio operativo – incluso il rischio di comportamento). Inoltre, le banche sono invitate a proiettare l’effetto degli scenari sul margine di interesse.

Comunicato stampa
Nota metodologica

Nov 242017
 

Il Financial Stability Board (FSB) ha pubblicato l’elenco delle banche di rilevanza sistemica globale (G-SIB) per il 2017. L’elenco – basato su dati di fine 2016 – comprende 30 banche, di cui 29 già presenti nell’elenco dell’anno precedente (Royal Bank of Canada, unica new entry, prende il posto di Groupe BPCE).

Comunicato stampa
Elenco FSB delle G_SIB per il 2017

Nov 242017
 

La Banca d’Italia ha introdotto delle modifiche normative tramite l’aggiornamento delle seguenti Circolari:

Nov 242017
 

L’Autorità bancaria europea (EBA) accoglie con favore la decisione del Consiglio sul suo trasferimento a Parigi, a seguito dell’intenzione manifestata dal Regno Unito di uscire dall’UE. Si tratta di una decisione importante per l’Autorità che garantisce una la continuità delle sue attività rassicurando il proprio staff attuale e futuro sulla nuova sede e ponendo fine a un periodo di incertezza. L’EBA è fiduciosa che la Francia sosterrà l’Autorità per garantire una transizione agevole, fondamentale per continuare a realizzare l’obiettivo di mantenere la stabilità finanziaria nell’UE e salvaguardare l’integrità, l’efficienza e il funzionamento ordinato del settore bancario.