Apr 062016
 

In data 2 aprile 2016 è entrato in vigore un emendamento della Commissione Europea alla disciplina Solvency II con l’obiettivo di facilitare e rendere più vantaggiosi gli investimenti in infrastrutture da parte delle imprese di assicurazione. L’iniziativa rientra tra le prime misure adottate ai sensi del Capital Markets Union Action Plan lanciato nel settembre 2015.
L’emendamento prevede la riduzione dei requisiti posti per gli investimenti nei cosiddetti qualifying infrastructure projects. In particolare è stata introdotta una riduzione dei requisiti patrimoniali legati a tali forme di investimento: la ponderazione per il rischio degli investimenti in azioni non quotate collegate ad investimenti in infrastrutture scende dal 49% al 30% mentre quella per gli strumenti di debito è ridotta (fino ad un massimo) del 40%.

Comunicato stampa

FacebookTwitterLinkedInGoogle+EmailCondividi

Sorry, the comment form is closed at this time.