Dic 162016
 

L’EBA ha pubblicato il Report finale riguardante l’implementazione del requisito minimo per i fondi propri e le passività ammissibili (MREL). Il documento, redatto ai sensi della Direttiva BRRD (Bank Recovery and Resolution Directive), quantifica il livello attuale di patrimonializzazione richiesta e stima le potenziali esigenze di finanziamento delle banche europee in funzione di diversi regimi attuativi.

Alla luce delle ipotesi sottostanti lo studio, si stima che il fabbisogno patrimoniale aggregato di un campione composto da 133 gruppi bancari europei a fronte del requisito MREL sarebbe compreso tra EUR 186bn e EUR 276bn. In aggiunta, si prevede un impatto macro-economico positivo dovuto all’introduzione del MREL tra i 17 ei 91 punti base del PIL.

L’EBA ha formulato, inoltre, una serie di raccomandazioni volte a rafforzare l’impatto del nuovo impianto regolamentare e integrare le norme internazionali in materia di capacità di assorbimento di perdite totali (TLAC) a livello europeo. Tali raccomandazioni includono, tra l’altro, i seguenti elementi chiave:

– Riaffermare le strategie di risoluzione quali driver primario per la calibrazione del MREL;

– Migliorare la risolvibilità con l’introduzione di requisiti obbligatori di subordinazione;

– Migliorare la coerenza tra MREL e requisiti di capitale;

– Aumentare la trasparenza a sostegno della disciplina di mercato e facilitare l’emergere di un mercato per gli strumenti MREL.

Il Report servirà a chiarire diverse questioni tecniche in fase di discussione, da parte del Parlamento europeo e del Consiglio, del pacchetto di riforma del sistema bancario proposto dalla Commissione europea in data 23 novembre 2016.

Comunicato stampa
Rapporto EBA su impianto MREL
FAQ

FacebookTwitterLinkedInGoogle+EmailCondividi

Sorry, the comment form is closed at this time.