Gen 262017
 

L’Autorità Bancaria Europea (EBA) ha pubblicato l’aggiornamento trimestrale del documento “Risk Dashboard” che identifica i rischi principali e le vulnerabilità del settore bancario europeo. L’analisi verte su una gamma di Indicatori di Rischio calcolati sulla base dei dati consolidati relativi al terzo trimestre del 2016 e rappresentativi di un paniere di 156 banche. I risultati principali dello studio sono i seguenti:

– nel trimestre di riferimento, il CET1 (Common Equity Tier 1) delle banche UE ha raggiunto il nuovo massimo a quota 14,1% (con un aumento di 50 punti base rispetto al trimestre precedente). Questo effetto è dovuto sia alla crescita del capitale (grazie ad una maggiore quota di utili non distribuiti), che ad una diminuzione dei Risk-Weighted Assets;

– La quota di crediti deteriorati (o NPLs, Non Performing Loans) si attestata al 5.4% (-10 punti base rispetto al secondo trimestre 2016) e suggerisce che gli sforzi di vigilanza stanno dando, lentamente, buoni frutti;

 – La redditività è rimasta sotto pressione e il rendimento del capitale proprio (ROE) è sceso al 5,4%, un punto percentuale al di sotto del terzo trimestre 2015. Il ROE è risultato nuovamente al di sotto del costo del capitale per le banche (CoE), che si stima essere tra l’8% e il 10%. Inoltre, il rapporto tra costi e ricavi è aumentato al 63,0% con un aumento di ben 3 punti percentuali rispetto al terzo trimestre dell’anno precedente.

 – Il rapporto loan-to-deposit è sceso al 120,1%, rispetto al 120,5% nel primo trimestre.

 Insieme al quadro operativo dei rischi, l’EBA ha pubblicato i risultati di un’analisi di valutazione del rischio condotta tra banche e analisti di mercato nei mesi di ottobre e novembre 2016.

Comunicato stampa
Risk Dashboard EBA Q3 2016
Analisi di valutazione del rischio

FacebookTwitterLinkedInGoogle+EmailCondividi

Sorry, the comment form is closed at this time.