Feb 162017
 

L’EBA ha pubblicato la versione definitiva delle disposizioni tecniche per l’esclusione delle operazioni con controparti non finanziarie (NFC) con sede in un paese terzo dal requisito patrimoniale in tema di rischio di CVA (Credit Valuation Adjustment), ai sensi del Regolamento CRR (Capital Requirements Regulation).

L’obiettivo delle nuove disposizioni è quello di allineare il trattamento delle NFC con sede in un paese terzo con il trattamento delle NFC europee, come raccomandato già nel febbraio 2015 dall’EBA stessa. Tuttavia, dato che le NFC non europee non sono direttamente soggette alla regolamentazione UE, le nuove norme chiariscono che spetta alle istituzioni interessate verificare che una controparte con sede in un paese terzo, si qualifica come NFC e, in tal caso, che siano rispettate le soglie di clearing introdotte dalla normativa EMIR.

Comunicato stampa
Versione finale RTS EBA

FacebookTwitterLinkedInGoogle+EmailCondividi

Sorry, the comment form is closed at this time.