Feb 162017
 

L’ESMA ha pubblicato un rapporto sulla tecnologia DLT (Distributed Ledger Technology) e sulle implicazioni del suo utilizzo in ambito finanziario. Il documento illustra il punto di vista dell’ESMA in relazione a: i) possibili applicazioni, ii) vantaggi, iii) rischi e iv) integrazione con la normativa UE esistente.

L’ESMA ritiene che la tecnologia DLT possa determinare una serie di benefici per i mercati finanziari, quali una maggiore efficienza dei servizi di post-trading, capacità di reportistica avanzate e riduzione dei costi.

Secondo l’ESMA, le prime applicazioni DLT si concentreranno sull’ottimizzazione dei processi esistenti all’interno dell’attuale struttura di mercato, con un iniziale interessamento di mercati per lo più non regolamentati e caratterizzati da bassi volumi di attività.

Allo stesso tempo, l’Autorità di vigilanza europea evidenzia alcune importanti sfide in termini di interoperabilità, governance, privacy e creazione di rischio, le quali richiedono ulteriori analisi prima di un qualsiasi utilizzo su larga scala della tecnologia DLT in ambito finanziario.

Dal punto di vista regolamentare, l’ESMA sottolinea che lo sviluppo di una nuova tecnologia, quale le reti DLT, non può esimere gli utenti dal rispettare il quadro normativo vigente, che prevede importanti garanzie per assicurare la stabilità e il corretto funzionamento dei mercati finanziari. In tale contesto è opinione dell’ESMA che (come evidenziato dalle risposte alla consultazione lanciata nel mese di giugno 2016) l’attuale quadro normativo europeo non rappresenti un ostacolo per l’utilizzo della tecnologia DLT nel breve termine.

Nel frattempo, una serie di concetti o principi di natura tecnica, quali, la certezza giuridica collegata alla trascrizione sul registro condiviso o il carattere definitivo del regolamento, potrebbero richiedere degli chiarimenti in seguito allo sviluppo della tecnologia. Inoltre, l’ESMA sottolinea che al di là della regolazione finanziaria, questioni legali più ampie quali il diritto contrattuale, diritto fallimentare e diritto della concorrenza, possono avere un impatto sulla diffusione di DLT.

Secondo l’ESMA, alla luce dell’attuale fase di sviluppo iniziale della tecnologia, una valutazione complessiva dei potenziali cambiamenti apportati e della risposta normativa adeguata risulterebbe prematura.

L’ESMA continuerà a seguire da vicino gli sviluppi del mercato DLT per valutare l’opportunità di formulare un intervento normativo in risposta agli sviluppi della tecnologia. Nel frattempo, le autorità di regolamentazione devono impegnarsi attivamente con gli operatori del mercato al fine di garantire sia che la tecnologia non crei rischi non intenzionali e che i suoi benefici non vengano limitati da ostacoli ingiustificati.

Comunicato stampa
Report ESMA su applicazione reti DLT in ambito finanziario

FacebookTwitterLinkedInGoogle+EmailCondividi

Sorry, the comment form is closed at this time.