Apr 212017
 

Il comitato congiunto delle autorità di vigilanza europee (EBA, EIOPA e ESMA – ESA) ha pubblicato un nuovo Report sui rischi e le vulnerabilità nel sistema finanziario dell’Unione europea. Il documento sottolinea i rischi per la stabilità del settore finanziario europeo in un contesto soggetto a incertezze politiche ed economiche. In particolare, la sfida maggiore è il prolungato periodo di bassa redditività delle banche e le difficoltà incontrate dagli assicuratori nel generare rendimenti adeguati per il soddisfacimento delle passività a lungo termine nelle attuali condizioni di mercato. Di seguito le tematiche principali individuate nel documento:

  • Bassa redditività delle istituzioni finanziarie. Nonostante, infatti, un ulteriore rafforzamento patrimoniale, le banche si trovano ad affrontare alti livelli di non-performing loans (NPL). Altre criticità emergono dalla crescita dei costi per contenziosi e la mancanza di strategie di redditività sostenibile. Gli assicuratori affrontano grandi sfide derivanti dal perdurare di bassi tassi di interesse, in particolare per quanto riguarda i contratti di assicurazione sulla vita con garanzie sui tassi di rendimento. Nell’industria dei fondi di investimento, i rendimenti sono deboli e per lo più negativi.

 

  • I rischi di valutazione e repricing del premio per il rischio: l’aumento della volatilità dei prezzi delle attività e i problemi di liquidità persistenti hanno aumentato i rischi legati alla valutazione degli strumenti finanziari. I rischi sono esacerbati dalle incertezze politiche. Ulteriori preoccupazioni in tal senso potrebbero derivare dal recente “steepening” della struttura a termine dei tassi di interesse.

 

  • Interconnessioni all’interno del sistema finanziario. L’interconnessione, in particolare tramite il contagio dei prezzi di attività e l’esposizione finanziaria diretta, aumenta i livelli di rischi del settore finanziario. I movimenti relativamente elevati dei prezzi delle azioni per gli assicuratori e le banche e le elevate esposizioni degli assicuratori europei nei confronti delle banche UE indicano la concentrazione dei rischi nei due settori. La persistente ricerca di rendimento intensifica il potenziale del contagio dei prezzi tra classi di attività rischiose e rafforza il rischio di valutazione. Anche l’interconnessione con il sistema finanziario più ampio è in aumento, in quanto aumentano le esposizioni inter-settoriali e l’interdipendenza dei processi aziendali.

 

  • Rischi Cyber ​​e rischi operativi correlati al settore IT: molti intermediari finanziari hanno a che fare con i sistemi informatici non aggiornati, con la necessità – dunque – di porre in essere importati investimenti che deprimano ulteriormente la redditività. Inoltre, il rischio informatico minaccia l’integrità dei dati e la continuità aziendale in un sistema finanziario interconnesso. In questo contesto, la domanda di assicurazione informatica dovrebbe crescere, mentre i prodotti di copertura informatica sono ancora relativamente nuovi sul mercato, con limitate esperienze di sottoscrizione.

Comunicato stampa
Report ESA

FacebookTwitterLinkedInGoogle+EmailCondividi

Sorry, the comment form is closed at this time.