Lug 172017
 

L’Autorità bancaria europea (EBA) ha avviato una consultazione su una serie di linee guida che specificano un formato uniforme per i requisiti di disclosure degli accordi transitori in materia di IFRS 9 e di perdite attese su crediti. Le linee guida mirano ad aumentare la coerenza e la comparabilità delle informazioni comunicate dalle istituzioni durante la transizione alla piena attuazione del nuovo principio contabile e ad assicurare la disciplina del mercato.

La consultazione avrà termine il l 13 settembre 2017.

Parallelamente, l’EBA ha pubblicato un Report con alcune osservazioni qualitative e quantitative del secondo esercizio di valutazione d’impatto dell’IFRS 9. Dal punto di vista qualitativo, il documento sottolinea che le banche hanno fatto ulteriori progressi nell’attuazione dell’IFRS 9 rispetto al precedente esercizio, sebbene le banche più piccole siano ancora in ritardo nella loro preparazione rispetto alle banche di dimensione maggiore.

Sul fronte quantitativo, le risposte ricevute mostrano che l’impatto stimato dell’IFRS 9 è principalmente determinato dai requisiti di impairment dell’IFRS 9. L’aumento stimato delle riserve è in media del 13% rispetto ai livelli attuali degli stanziamenti previsti dallo IAS 39. I coefficienti del Common Equity Tier 1 (CET1) dovrebbero diminuire in media fino a 45 punti base (bps). Le banche più piccole, che utilizzano principalmente l’approccio standardizzato per misurare il rischio di credito, hanno stimato un impatto maggiore sui rapporti dei fondi propri rispetto alle banche più grandi del campione.

Comunicato stampa
Documento di consultazione
Report sul secondo esercizio di valutazione d’impatto dell’IFRS 9

FacebookTwitterLinkedInGoogle+EmailCondividi

Sorry, the comment form is closed at this time.