Ott 132017
 

Il Financial Stability Board (FSB) ha pubblicato un report sullo stato di applicazione delle raccomandazioni formulate dal Board nel 2014 per la riforma dei principali benchmark per i tassi di interesse, tra i quali i cosiddetti tassi IBOR (Interbank Offered Rate). Le raccomandazioni del 2014 comprendono misure per rafforzare la struttura dei benchmark attuali e sviluppare tassi di riferimento alternativi privi di rischio (RFR).

L’analisi FSB evidenzia che gli amministratori IBOR hanno continuato ad introdurre importanti misure per l’applicazione delle raccomandazioni, incluse le misure per adeguare le metodologie utilizzate per il calcolo dei tassi di riferimento. Tuttavia, nel caso di alcuni IBOR, come LIBOR e EURIBOR, permangono delle criticità riguardanti la robustezza e l’integrità dei benchmark dovute principalmente alla scarsità di operazioni di riferimento per alcune combinazioni di valute e scadenze.

I regolatori di alcune giurisdizioni hanno compiuto buoni progressi nel sostenere i flussi di lavoro incentrati sull’identificazione di nuovi RFR o a sostegno di RFR già esistenti da utilizzare in alternativa ai tassi IBOR (in particolare per alcune tipologie di contratti derivati). Ad oggi, però, sono stati fatti progressi limitati in materia di migrazione da tassi IBOR a RFR.

Il FSB pubblicherà un aggiornamento sullo stato di avanzamento dei lavori nel 2018.

Comunicato stampa
Report su applicazione raccomandazioni IBOR 2017

FacebookTwitterLinkedInGoogle+EmailCondividi

Sorry, the comment form is closed at this time.