Mar 312017
 

The Solvency II Directive (Article 77f) requires a review of the Long Term Guarantee (LTG) and equity risk measures by 1 January 2021:

  • EIOPA is publishing every year an annual report on the impact of these measures
  • EIOPA plans to submit to the European Commission (EC) an opinion on the assessment of the measures in 2020
  • the EC will then submit a report and, if needed, some legislative proposals to the European Parliament and the European Council

The same Article 77f requires that, on an annual basis, the National Supervisory Authorities (NSAs) provide EIOPA with the following information:

  • availability of LTG in insurance products
  • number of undertakings applying the measures
  • the impacts of the measures on the undertakings’ financial position and capital charge
  • the effects of any extension of the recovery period and, in case the transitional measures were applied, the compliance with the phasing-in plans and the prospects for a reduced dependency on the measures

The LTG measures were introduced in the SII Directive through the Omnibus II Directive to ensure an appropriate treatment of insurance products that include LTG; likewise, the equity risk measure should ensure the appropriate setting of capital requirements related to changes in the level of equity prices. The measures are recalled in the following table; though it is admissible to apply several at the same time, certain combinations are excluded (MA ad VA, TRFR and MA, TRFR and TTP)

Name

Description

Article

[UFR]

Extrapolation of the RF YC

the RF Rate YC is extrapolated smoothly towards an ultimate forward rate for maturities where the markets of the relevant financial instruments are no longer deep, liquid and transparent

77a

[MA]

Matching Adjustment

when the expected assets cash flows replicate each of the expected insurance obligations cash flows, the undertakings are not exposed to the risk of movements of the spreads and can (prior to the approval from the NSA) adjust the relevant RF Rate YC in line with the spread movements of their assets. The MA is deduced by a fundamental spread that allows for expected loss and downgrade of the assets

77b/c

[VA]

Volatility Adjustment

the undertakings can (prior to the approval from the NSA) adjust the relevant RF Rate YC to mitigate the exaggerations of bond spreads. This is meant to prevent pro-cyclical investment behaviours. The VA is based on 65% of the risk corrected spreads between the interest rates that could be earned from a reference portfolio of assets and the base RF Rates.

77d

[ED]

Equity Dampener

In order to mitigate undue potential pro-cyclical effects of the financial system in case of adverse movements of the financial markets, the market risk module of the SF includes a symmetric adjustment mechanism with respect to the change in the level of equity prices, that is positive/negative when markets rise/drop

106

[ERP] Extension of the Recovery Period If undertakings are not compliant to SII capital requirements, they have 6 months to re-establish the appropriate level of EOF to cover the SCR. If appropriate, the NSAs can extend the period by 3 further months and, in case of exceptional adverse situations, by 7 additional years. During this ERP the undertakings must submit every 3 months a progress report setting out the measures taken – so far, EIOPA has not received any request to declare an exceptional adverse situation

138(4)

[DBR] Duration-Based Equity Risk sub

module

if the undertakings provide occupational retirements provisions or benefits with an average duration of the liabilities that exceeds 12y and are able to hold equity investments for more than 12y, they can calculate the capital charge of the Equity Risk sub module applying a fall in equity market prices of 22% in place of the value established for the SF (39% or 49%)

304

[TRFR] Transitional on the RF

Rate

for a period of 16 after the start of SII, the undertakings can  (prior to the approval from the NSA) adjust the RF Rate by the difference between the SII and SI YC, multiplied by a ratio that was 100% at the beginning of SII and is decreasing linearly to 0 over the next years

308c

[TTP] Transitional on the TP for a period of 16 after the start of SII, the undertakings can  (prior to the approval from the NSA) adjust their TP by the difference between the TP calculated under SII and SI, multiplied by a ratio that was 100% at the beginning of SII and is decreasing linearly to 0 over the next years

308d

The deadline to submit the 2017 results (reference date 01/01/17) to the NSAs is June the 15th and the NSAs have to report to EIOPA within the following month. The impacts of the measures on the financial positions will be reported for the first time. In 2016, the first year of application of the SII directive, the reporting was limited and, to publish its annual report (reference date 01/01/16), EIOPA has considered also data taken from the 2016 Insurance Stress Test.

LTG products are widespread in most of the national market and comprise:

  • traditional life insurance (with profit, savings, whole life, endowments, annuities)
  • UL with guaranteed investments yields or capital protection
  • variable annuities
  • some types of health insurance (annuities stemming from protection contracts that offer the maintenance of the wage in case of severe illness)
  • non life annuities

These products offer lifelong guarantees or with fixed durations non shorter than 6/8 years. The availability of LTG products is mainly stable or slightly decreasing across the EEA due to the low interest rates environment.

The removal of the measures is expected to increase the level of TP, SCR and MCR and to decrease the level of Net Deferred tax liabilities, EOF and LAC. The following table shows the impacts of the four main measures on TP, EOF and SCR.

At EEA level, the removal of the measures results in an average decrease of the SCR Ratio of 60%, but the NSAs has indicated that there is not yet any specific case where undue capital relief was observed due to the application of the LTG and equity measures.

MA

  • applied by undertakings with lower proportion of government debt and higher proportion of equity and assets held for index products than the whole market; the proportion of not rated assets is lower than that of the whole market, with a higher bond duration
  • fulfilling the conditions needed to apply the MA is quite challenging, especially for small companies

VA

  • applied by undertakings with higher proportion of government debt and a lower proportion of assets held for linked products than the whole market; the credit quality distribution is similar to that of the whole market, with a lower bond duration
  • it is widely applied in most of the EEA countries

TRFR

  • applied by undertakings with higher proportion of participations and lower proportion of debt and assets held for linked products than the whole market
  • the market share in TP is negligible both at EEA level and national level except in Greece, where 10% of the national market uses this measure

TTP

  • applied by undertakings with lower proportion of government debt and higher proportion of assets held for linked products than the whole market, with a higher bond duration
  • in Norway the 87.2% of the national market makes use of this measure, while in the UK, Finland and Portugal the undertakings represent more than 50%
Mar 312017
 

Il Nicola Bruti Liberati Quantitative Finance Lab del Dipartimento di Matematica del Politecnico di Milano è lieto di annunciare il lancio di due importanti iniziative sul tema Fintech: il Polimi Fintech Journey e una Call for Ideas per lo sviluppo di idee innovative in finanza.

Il Polimi Fintech Journey si compone di una serie di workshop di natura divulgativa su temi quali crowd-investing, bitcoin, machine learning, big data, blockchain, cyber security. L’iniziativa, che si svolgerà nel periodo primavera 2017- estate 2018, è curata in collaborazione con Deloitte Consulting ed è rivolta a accademici, studenti ed esponenti dell’industria.

Accanto a questa iniziativa si svolgerà una Call for Ideas, in collaborazione con Poli Hub e la Compagnia di Assicurazioni Aviva, con l’obiettivo di sviluppare idee innovative nel mondo finanziario che utilizzino nuove tecnologie. L’iniziativa è rivolta ai partecipanti a Journey ma non in via esclusiva.

Il sito delle due iniziative è www.mate.polimi.it/fintech/

Programma Polimi Fintech Journey

Mar 312017
 

Il Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria ha rilasciato oggi un documento di consultazione contenente una proposta di modifica della metodologia di identificazione delle banche aventi rilevanza sistemica globale (G-SIB).

La revisione punta a migliorare l’impianto metodologico alla luce delle dinamiche strutturali del sistema bancario globale che potrebbero introdurre nuove dimensioni di rischio sistemico non previste precedentemente.

La consultazione avrà termine il 30 giugno 2017.

Comunicato stampa
Documento di consultazione

Mar 312017
 

L’ESMA ha pubblicato la versione preliminare delle norme per l’attuazione del nuovo quadro regolamentare europeo volto a garantire l’accuratezza e l’integrità degli indici di riferimento in tutta l’Unione europea (Benchmark Regulation).

Le disposizioni stabiliscono i comportamenti e le pratiche previste per gli amministratori dei benchmark finanziari, affinché questi ultimi siano costruiti in modo trasparente e affidabile. In particolare, le norme prevedono:

  • che l’intero processo di costruzione e validazione dell’indice sia controllato da una nuova funzione interna che gli amministratori devono appositamente creare;
  • nuove norme per il calcolo e l’utilizzo degli input di mercato al fine di minimizzare il rischio di manipolazione;
  • adeguata gestione dei conflitti di interesse;
  • parità di condizioni tra i diversi Stati membri per l’autorizzazione e la registrazione degli amministratori dei benchmark finanziari.

Comunicato stampa
Norme ESMA per l’attuazione del Regolamento sui benchmark finanziari

Mar 312017
 

Il Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria ha rilasciato il documento “Pillar 3 disclosure requirements – consolidated and enhanced framework” che rappresenta la seconda fase del processo di revisione degli obblighi informativi di Terzo Pilastro. Il documento, basato sulle modifiche adottate dal Comitato nel gennaio 2015, incorpora i commenti raccolti durante la consultazione pubblica condotta nel marzo 2016. I principali aspetti trattati riguardano:

  • Consolidamento nel perimetro di Terzo Pilastro di tutti gli obblighi informativi previsti dagli Accordi di Basilea;
  • Introduzione di alcuni miglioramenti al framework regolamentare in materia di posizione prudenziale della banca e prudent valuation adjustments;
  • Revisione degli standard di Terzo Pilastro alla luce dell’attività di riforma dell’impianto regolamentare attualmente in corso. In particolare: i) introdotto nuovo requisito informativo in materia di TLAC (Total Loss-Absorbing Capacity) per le istituzioni G-SIB e ii) apportate modifiche ai requisiti di informativa per il rischio di mercato alla luce della revisione del quadro regolamentare di riferimento presentata nel gennaio 2016.

La data di attuazione dei singoli obblighi informativi è indicata nel documento. In linea generale, gli obblighi informativi già esistenti – così come consolidati nell’impianto di Terzo Pilastro – entreranno in vigore alla fine del 2017. L’applicazione, invece, dei nuovi requisiti e/o di quelli che dipendono dall’attuazione di altre disposizioni è stata allineata con l’entrata in vigore del quadro di riferimento corrispondente.

Comunicato stampa
Pillar 3 disclosure requirements – consolidated and enhanced framework

Mar 312017
 

La Banca Centrale Europea (BCE) ha presentato il Rapporto sulle attività di vigilanza per l’anno 2016. Di seguito alcune delle dinamiche principali evidenziate nel documento:

  • Nel 2016 le banche dell’area dell’euro hanno conseguito profitti stabili, seppur modesti. Al contempo, le sfide e i rischi che sono chiamate ad affrontare sono rimasti sostanzialmente invariati rispetto al 2015;
  • Il rischio principale riguarda la sostenibilità dei modelli di business e la redditività delle banche; altri rischi di rilievo derivano dall’elevato livello dei prestiti deteriorati e dalle incertezze geopolitiche, come l’impatto di medio e lungo periodo della Brexit. La vigilanza bancaria europea ha fissato le proprie priorità di conseguenza;
  • La vigilanza bancaria europea ha continuato a perfezionare il suo strumento principale, ossia il processo di revisione e valutazione prudenziale (SREP). Ne è conseguito un maggiore allineamento tra i requisiti patrimoniali e i profili di rischio delle singole banche;
  • Nel 2016 la vigilanza bancaria europea ha compiuto progressi nell’affrontare la questione dei crediti deteriorati; al riguardo, lo scorso settembre, è stata posta in consultazione una bozza di linee guida. Le raccomandazioni e le migliori prassi individuate dalla guida aiuteranno le banche a ridurre in maniera efficace i crediti deteriorati.

Sul tema della vigilanza bancaria, il Presidente della BCE Mario Draghi ha affermato: “L’istituzione della vigilanza bancaria europea nel novembre 2014 ha rappresentato un passaggio decisivo, gettando le fondamenta per un settore bancario più stabile e un’Europa più integrate. La vigilanza bancaria europea ha svolto un ruolo cruciale nel salvaguardare la capacità di tenuta del settore. Grazie all’introduzione di una supervisione rigorosa e al tempo stesso equa, condotta secondo elevati standard in tutta l’area dell’euro, la vigilanza bancaria europea ha instillato fiducia nella qualità della propria azione e, di conseguenza, nella stabilità delle banche.”

Report 2016 della BCE sulle attività di vigilanza

Mar 312017
 

L’ESMA ha pubblicato due serie di linee guida concernenti l’attuazione del regolamento sui Depositari Centrali di Titoli (Regolamento CSDR). Le linee guida, che completano il Regolamento CSDR e le sue misure di esecuzione, riguardano:

  • L’accesso da parte di un Depositario Centrale di Titoli (CSD) al trading feed di una controparte centrale (CCP) o di una trading venue;
  • La definizione di regole e procedure in materia di insolvenza dei partecipanti di un CSD.

Le linee giuda entreranno in vigore due mesi dopo la pubblicazione della loro traduzione nelle lingue ufficiali UE sul sito dell’ESMA. Entro tale termine, le autorità nazionali competenti dovranno comunicare all’ESMA se intendono conformarsi o meno a tali disposizioni.

Comunicato stampa
Linee guida sull’accesso dei CSD al trading feed
Linee guida in materia di insolvenza dei partecipanti di CSD

Mar 312017
 

Il Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria ha pubblicato un Report sui progressi compiuti dalle banche nell’attuazione delle disposizioni contenute nel documento “Principles for effective risk data aggregation and risk reporting”. Tali principi, emessi nel gennaio 2013 e volti a migliorare le pratiche di gestione del rischio e i processi decisionali delle banche, sono applicabili alle istituzioni designate come banche di importanza sistemica globale (G-SIB). In particolare, le banche identificate come G-SIB nel 2011 e nel 2012 erano tenute ad adottare integralmente le disposizioni entro il mese di gennaio 2016.

I risultati dell’analisi evidenziano che, sebbene siano stati compiuti alcuni progressi, la maggior parte delle G-SIB non abbia pienamente attuato i principi, mostrando un livello di conformità insoddisfacente. Alla luce di tali evidenze e per promuovere ulteriormente l’adozione dei principi, il Comitato di Basilea ha formulato alcune raccomandazioni aggiuntive:

  • Le banche dovrebbero sviluppare dei piani di azione (roadmap) per raggiungere la piena conformità alle linee guida e il loro rispetto su base continuativa;
  • Le autorità di vigilanza devono: (i) comunicare i risultati della valutazione alle banche sotto la propria supervisione e fornire gli incentivi necessari per raggiungere la piena conformità ai principi; e (ii) continuare a perfezionare le tecniche per la valutazione della conformità stessa.

Gli sviluppi nell’applicazione dei principi saranno oggetto di verifica periodica da parte del Comitato.

Comunicato stampa
Report del Comitato di Basilea

Mar 232017
 

Il quinto Rapporto Consob sulla corporate governance conferma le tradizionali caratteristiche del nostro sistema in termini di elevata concentrazione proprietaria e limitata conten­dibilità del controllo …

A fine 2015, in linea con le evidenze degli anni precedenti, l’84% delle società italiane quotate risulta controllato da uno o più azionisti. In particolare, su 234 imprese 115 sono controllate di diritto, ossia con una quota superiore alla metà del capitale ordinario, 52 attraverso partecipazioni inferiori al 50% e 30 attraverso un patto parasociale. Tra le società ‘non controllate’ (pari a 37), 15 sono classificabili come imprese a proprietà dispersa, in quanto prive di un azionista di controllo e con un flottante superiore al 70% del capitale ordinario.

… sia pure a fronte di taluni cambiamenti di carattere strutturale

Continua a ridursi, in particolare, il numero e il peso sulla capitaliz­zazione delle imprese a controllo coalizionale passate da 51 a fine 2010, quando rappresentavano il 12,4% del valore di mercato, a 30 nel 2015, quando incidevano sulla capitalizzazione di mercato per il 6%. In secondo luogo, nello stesso periodo è cresciuto il numero (da 11 a 15) e il peso sulla capitalizzazione (dal 20% al 27% circa) delle società a proprietà dispersa (Tav. 1). Infine, l’utilizzo di strumenti di separazione tra proprietà e controllo, quali gruppi piramidali e azioni senza diritti di voto, continua a calare: a fine 2015 solo il 18% delle società quotate italiane (56% circa della capitalizzazione di mercato) appartiene a un gruppo piramidale, a fronte del 39% circa nel 1998 (78% del valore di mercato), mentre il numero di società che emettono azioni senza diritto di voto si è portato a 19 dalle 70 nel 1998. Talune imprese di piccole dimensioni, operanti soprattutto nel settore industriale e a controllo familiare, hanno fatto ricorso negli ultimi anni agli strumenti di separazione tra proprietà e controllo introdotti dal Legislatore con il Decreto Competitività (d.l. 91/2014). A giugno 2016, in particolare, 26 società hanno previsto nel proprio statuto il meccanismo della maggiorazione del diritto di voto, fino a due voti per azione, in favore di coloro che sono azionisti da almeno due anni (cosiddette loyalty shares), mentre una sola società ha emesso azioni a volto plurimo in fase di quotazione.

L’azionista di controllo (‘ultimate controlling agent’) coincide una famiglia nel 61% delle società quotate; tuttavia, sono le imprese non controllate o controllate da società a proprietà dispersa a registrare la più elevata incidenza sulla capitalizzazione di mercato (36%; Tav. 2).

La presenza degli investitori istituzionali rilevanti registra nel complesso una lieve flessione rispetto al passato …

A fine 2015 gli investitori istituzionali sono azionisti rilevanti nel 36% circa delle società (83 imprese), in flessione rispetto ai valori massimi raggiunti nel biennio 2013-2014, quando partecipazioni superiori alla soglia di trasparenza proprietaria erano detenute in quasi il 40% del mercato (oltre 90 società). La quota media del capitale, viceversa, non si discosta in maniera significativa dal valore dell’anno precedente attestandosi attorno al 7%.

… sebbene il dato sia in crescita per gli investitori istituzionali stranieri.

In particolare, la presenza di istituzionali italiani nell’azionariato rilevante delle imprese, già in declino dal 2011, è più nettamente diminuita nel 2015 portandosi al valore minimo di 21 società. Viceversa, dal 2014 la partecipazione degli investitori istituzionali esteri è giunta a interessare circa il 30% del mercato. La quota media di capitale detenuta da investitori istituzionali rilevanti italiani è pari nel 2015 al 5,5%, valore minimo registrato negli ultimi cinque anni, mentre quella degli investitori istituzionali esteri ha raggiunto il 6,5% del capitale delle imprese partecipate (Tav. 3).

La legge 120/2011 in materia di quote di genere sta gradualmente modificando il grado di board diversity nelle società quotate italiane. A fine giugno 2016, infatti, la presenza femminile ha oltrepassato la soglia del 30% del totale degli incarichi di amministratore…

… percentuale quasi triplicata rispetto al 2012, vigilia alla dell’applicazione della nuova legge; nello stesso periodo il numero di società in cui almeno una donna siede nel board è cresciuto dai due terzi del mercato fino alla quasi totalità delle imprese (Tav. 4).

… anche se le donne con incarichi esecutivi continuano ad essere l’eccezione…

Le donne che a metà 2016 ricoprono l’incarico di amministratore delegato sono 17, in altrettante società a ridotta capitalizzazione mentre quelle che presiedono l’organo amministrativo sono 21. In circa due casi su tre le donne si qualificano come amministratore indipendente, mentre sono 49 le amministratrici nominate da azionisti di minoranza, attraverso il sistema del voto di lista, in 38 società ad elevata capitalizzazione (Tav. 5).

Infine, negli ultimi quattro anni è cresciuta l’incidenza delle donne interlocker, passando dal 18% registrato nel 2013 al 30% delle amministratrici a giugno 2015 (Tav. 6).

… con conseguenti riflessi sulla board diversity. Le caratteristiche degli amministratori in termini di età, livello di istruzione e background professionale mostrano, infatti, una certa variabilità a seconda del genere…

 Nel dettaglio, l’età media è maggiore per gli amministratori rispetto alle amministratrici (rispettivamente, 59 e 51 anni circa) così come la percentuale di amministratori family (ossia membri del board che sono anche azionisti di controllo o che hanno con questi una relazione di parentela) è maggiore nel caso degli uomini (17% a fronte del 13%). Le donne posseggono più frequentemente titoli di studi più elevati (il dato vale soprattutto per i titoli post-laurea), mentre la proporzione di amministratori qualificabili come manager è significativamente superiore a quella riferibile alle amministratrici (rispettivamente, 77% e 54% circa; Tav. 7).

… confermando che le amministratici nominate dopo il 2012 hanno contribuito a modificare le caratteristiche dei consigli di amministrazione.

È aumentata, infatti, la percentuale di amministratori laureati (dall’84% nel 2012 all’86% circa nel 2015) e in possesso di un titolo post-laurea (dal 15% al 21% circa), mentre s’ è ridotta l’incidenza del profilo professionale manageriale (di sei punti percentuali da poco più del 76%) a beneficio del profilo dei professionisti/consulenti (la cui presenza è passata da poco più del 15% al 21%). Anche l’età media è diminuita di circa un anno (da 57,6 anni). Sebbene l’incidenza degli amministratori con legami familiari con l’azionista di controllo (cosiddetti family) risulti stabile attorno al 16%, la distribuzione in base al genere evidenzia una significativa riduzione della percentuale di donne family (dal 26% circa nel 2012 al 13% nel 2015).

Continua a crescere la partecipazione degli investitori istituzionali alle assemblee, soprattutto grazie ai soggetti esteri, …

Nelle assemblee delle 100 società italiane a più elevata capitalizzazione la presenza degli investitori istituzionali è risultata pari al 19% del capitale (+ 8 punti percentuali rispetto al 2012).

… al pari del dissenso sulle politiche di remunerazione (cosiddetto say-on-pay)

Nel 2016 il dissenso medio (voti contrari e astensioni) nell’ambito del voto consultivo sulle politiche di remunerazione delle 100 maggiori società italiane ha raggiunto il 9,5% del capitale sociale, di cui l’8,6% ascrivibile agli investitori istituzionali (valore più elevato dalla prima applicazione del say-on-pay). In linea con il passato, il dissenso degli istituzionali si è ridotto nelle società di maggiori dimensioni (ossia appartenenti al FtseMib, 27% delle azioni possedute ne 2016 a fronte de 37% nel2012), mente è aumentato sia per le società del Mid Cap sia per le imprese di minori dimensioni, dove negli ultimi tre anni ha superato un terzo delle azioni complessivamente possedute dagli istituzionali stessi (registrando incrementi attorno ai 10 punti percentuali rispetto al 2012).

Mar 232017
 

La BCE ha pubblicato il testo definitivo delle linee guida in materia di crediti deteriorati (non-performing loans, NPL), segnando un importante passo avanti ai fini della gestione degli NPL nell’intera area dell’euro. Il documento definisce le misure, i processi e le migliori prassi che andrebbero integrate nel trattamento degli NPL da parte dalle banche. Le linee guida confluiranno ora nel dialogo continuo di vigilanza con le singole banche.

La BCE applicherà il principio di proporzionalità, graduando il livello di intrusività della sua azione a seconda della portata e della gravità delle consistenze di NPL nei portafogli delle banche.

Le linee guida non prescrivono obiettivi quantitativi per la riduzione degli NPL. Al contrario, la BCE richiede alle banche di elaborare una strategia che potrebbe includere una serie di opzioni fra cui ad esempio politiche di recupero degli NPL, servicing e dismissione dei portafogli.

La pubblicazione delle linee guida fa seguito a un processo di consultazione che si è svolto tra settembre e novembre 2016. Un resoconto della consultazione diffuso sul sito Internet della BCE presenta i commenti pervenuti e indica le modifiche richieste al progetto di linee guida che sono state apportate nel testo finale pubblicato.

Comunicato stampa
Linee Guida BCE in materia di NPL